Il Fatto Alimentare

  1. questo La vera informazione non può essere gratuita. Il Fatto Alimentare non propone finti articoli per fare pubblicità mascherata alle aziende, non scrive publiredazionali, non riceve finanziamenti pubblici e, per policy,  non ospita banner di acqua minerale, bibite zuccherate, junk-food, diete o prodotti dimagranti. Per contro, la redazione è composta da giornalisti ed esperti del …
  2. Il 19 aprile 2017 è finalmente entrato in vigore il decreto sull’origine latte. Dopo la pubblicazione c’è stato un ping-pong di circolari fra due ministeri Politiche agricole e Sviluppo economico. Alla fine è  rimasta irrisolta la questione delle “cagliate”  importate e utilizzate da molti caseifici per fare la mozzarella, che non dovranno essere dichiarate in etichetta. La normativa …
  3. Pasticceria Zunino ha richiamato un lotto di biscotti Petit Fleurs a proprio marchio distribuiti nei supermercati Simply, in seguito alla presenza nel prodotto di un allergene non dichiarato in etichetta, la frutta a guscio. Il provvedimento riguarda esclusivamente il lotto numero 01610 di biscotti di pasticceria venduti in confezione da 200 grammi e con termine minimo di conservazione al 28/08/2017. Il …
  4. Il 2 febbraio 2017 risultavano registrati 149.933 stabilimenti di imprese alimentari presso la US Food and Drug Administration (FDA), mentre al 1° gennaio 2016 erano 207.653. Si è assistito dunque ad una diminuzione del 28% del numero totale di impianti autorizzati ad operare nel mercato USA. Gli stabilimenti nazionali attivi nel 2017 sono 78.957, in calo del 9% rispetto al 2016. Gli impianti esteri …
  5. Gli alimenti consumati nell’Unione europea continuano a essere in gran parte privi di residui di pesticidi, oppure ne contengono quantità che rientrano nei limiti di legge. Questo è quanto emerge dall’ultimo rapporto pubblicato dall’Efsa, relativo al 2015. Dai risultati emerge che il 97,2% dei campioni analizzati rientra nei limiti consentiti dalla normativa UE, il 53,3% …
  6. L’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione (Anses) ha pubblicato il parere che le era stato richiesto dal governo di Parigi sulla sicurezza del biossido di titanio, un additivo noto come E171 e molto utilizzato nel settore alimentare, affermando che “è necessario condurre, secondo modalità e un calendario da definire, gli studi necessari per una …
  7. Il 6 giugno si terrà la prima riunione della Piattaforma dell’Unione europea sul benessere degli animali da allevamento. Il gruppo è composto da 75 membri: 35 in rappresentanza di Stati e organismi internazionali (Oie e Fao, Efsa) mentre altri 40 membri fanno riferimento a organizzazioni imprenditoriali e professionali oltre a organizzazioni della società civile ed …
  8. Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubbliciataria (Iap) ha giudicato ingannevole il messaggio “Colesterolo ALTO? Combattilo con: Colesterol Act Plus”, oggetto dell’Ingiunzione 26/17 e apparso su Famiglia Cristiana il 12 marzo 2017. La dicitura contestata compare in alto nella headline della pubblicità. Non manca, come nella maggior parte degli slogan di integratori di questo …
  9. L’origine del riso “Made in Italy” sarà oggetto di indicazione obbligatoria in etichetta, promette il ministro Maurizio Martina, a esito di una riunione del tavolo di filiera per certi versi drammatica, con gli agricoltori in piazza per chiedere aiuto su una crisi di settore senza precedenti. Serviranno nuove etichette, ma anche argini alle importazioni a dazio zero. …
  10. Nella settimana n°15 del 2017 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 56 (16 quelle inviate dal Ministero della salute italiano). L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende quattro casi: sostanza non autorizzata (oxyphenylbutazone) in carne equina congelata dal Canada; mercurio in pesce …