Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Borgo storico di Lago, ottimo per realizzare un albergo diffusoLa settimana scorsa si è svolta a Pieve di Soligo una serata informativa sulle opportunità offerte al territorio di Conegliano-Valdobbiadene nel caso venisse approvata la candidatura a Patrimonio dell’Umanità.

Nonostante i relatori abbiano ripetuto più volte che la candidatura è del Paesaggio, non del Prosecco, e che ci saranno vantaggi per tutti, più volte il Presidente Innocente Nardi ha ribadito l’idea di costituire 4 posti letto in ogni cantina.

Ma allora lo scopo reale della candidatura UNESCO non è dare un vantaggio a tutti i cittadini, bensì portare i turisti nel nostro territorio affinché acquistino il vino, dormano nelle strutture ricettive predisposte dai vignaioli, magari mangino negli agriturismi, alimentando così soltanto il business del settore agricolo!

Svanisce in questo modo anche l’unico beneficio che potevano avere i cittadini, ovvero la possibilità di ristrutturare e riqualificare le tante case abbandonate nei centri storici, spesso troppo piccole o inadeguate per essere abitate stabilmente, ma ottime per la realizzazione di bed and breakfast o di un albergo diffuso.

Crediamo che gli obiettivi debbano essere completamente rivisti: chi sta portando avanti l’iter per la candidatura UNESCO non deve pensare solo agli interessi degli agricoltori, ma dovrà favorire una distensione dei rapporti fra cittadini e agricoltori da attuarsi con i fatti, non solo con le parole, a partire dal divieto di utilizzo di sostanze chimiche in agricoltura. In Italia ci sono una dozzina di bio-distretti, perché non porci anche noi un obiettivo così prestigioso?

Soltanto attraverso la riqualificazione dei centri storici per la realizzazione di alloggi turistici e la realizzazione di un bio-distretto in cui non si usino più pesticidi chimici, si potrà creare l’armonia e il coinvolgimento di tutti i cittadini, necessari per offrire ai turisti paesaggi incantevoli, possibilità di escursioni nelle colline anche d’estate e, non ultimo, un vino biologico d’eccellenza, a beneficio di tutta la comunità locale.

Foto: www.comune.revine-lago.tv.it