Stampa
Categoria: Pubblicazioni locali
Visite: 1586

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

IL MOVIMENTO 5 STELLE HA INVITATO E NON CONVOCATO I 15 SINDACI ZONE DOCG. COMPRESO IL SINDACO FABIO SFORZA.

Il M5S risponde al SindacoFabio Sforza che si è sentito convocato. Invitare e convocare sono due azioni diverse.

 

PIEVE DI SOLIGO (TV), 15.06.2013 - Il M5S apprende che il Sindaco di Pieve di Soligo, Fabio Sforza, ha solennemente annunciato su "La Tribuna di Treviso" del 13/06/2013,  che non si presenterà mai in pubblica assemblea con dibattito, perché così è riportato:

"Sforza risponde piccato anche a chi lo accusa di aver disertato l'incontro del M5S (400 persone) sui pesticidi, venerdì sera al teatro Careni.

"Non spetta a un partito convocare i sindaci"

Di seguito l'invito che il M5S ha rivolto ai sindaci (invitati NO convocati)

 

Pieve di Soligo, 28/05/2013

Il Movimento 5 Stelle di Pieve di Soligo rivolge un caldo invito a tutti i Sindaci, affinché partecipino alla serata di venerdì 7 giugno 2013, ore 20.45 al

teatro Careni di Pieve di Soligo La serata dal tema “Pesticidi e tumori” tratterà problematiche importanti relative alla salute ed all'ambiente.

Questa è un'occasione per i Sindaci di ascoltare le opinioni di esperti, ma anche le preoccupazioni e i disagi quotidiani vissuti dai cittadini.

Sarà molto gradita la conferma, via email, della partecipazione alla serata.

Nell'attesa di un gradito riscontro, porgiamo cordiali saluti.

Movimento 5 Stelle - Pieve di Soligo

Alleghiamo il volantino con il contenuto della serata.

 

Quanti sindaci si sentono “convocati “ da questo invito?

L'iniziativa è stata presa dal M5S, visto che i sindaci si stanno disinteressando di questi fondamentali problemi: la salute e l’ambiente.

Il nostro Sindaco, Fabio Sforza, riconosce solo ambiti istituzionali per le sue apparizionie conseguenti dichiarazioni. Per coloro che volessero sentirlo, in pubblico, non rimane che partecipare ai "Consigli Comunali" nei quali i cittadini non hanno diritto di parola, anzi se mai parlassero sarebbero perseguiti penalmente.