btn scopriprogramma btn segnalazione


Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

L’amministrazione comunale di Farra di Soligo non ne vuol fare a meno.

31 disseccare2Farra di Soligo, 06/08/2018 – La scorsa settimana il consiglio comunale di Farra si è riunito per discutere, fra l'altro, la modifica al regolamento comunale per introdurre, a partire dal 2019, il divieto di utilizzo degli erbicidi a base di Glifosate.

Da sempre l'argomento Ambiente e Sostenibilità è al centro del dibattito politico che i pentastellati cercano di condurre; tra le tante richieste sottoposte al consiglio comunale, che a garanzia della trasparenza i cittadini possono consultare in rete (https://movimento5stelle.qdp.it/comuni/farra-di-soligo), nel febbraio 2016 è stata anche affrontata la questione Glifosate ed erbicidi in genere. La proposta dei 5 stelle fu quella di vietare l’utilizzo di tutti gli erbicidi chimici, sia nelle coltivazioni agricole che nell’ambiente urbano, anche perché il diserbo chimico viola il principio della lotta integrata essendoci sempre mezzi meccanici e tecniche agronomiche efficaci per combattere la flora spontanea. La proposta fu bocciata.

Nel settembre 2016 anche il Ministero della Salute si espresse nel merito, revocando “l’autorizzazione all’immissione in commercio ed impiego dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva Glifosate ed il coformulante ammina”. Tale disposizione di fatto eliminava tali erbicidi a partire dal 2017.

In occasione dell’ultimo consiglio, l’amministrazione di Farra, refrattaria a mettere mano al Regolamento di polizia rurale su proposta di un consigliere di minoranza, ha dimostrato invece di saperlo fare per apportare una modifica che di fatto sposta al 2019 il divieto di utilizzo del Glifosate, permettendone l'uso per altri 5 mesi. Se vietare l’utilizzo del Glifosate è davvero volontà di tutti, ci si domanda perché non si è intervenuti due anni fa, quando la proposta fu portata in consiglio. Ci si domanda inoltre perché si è voluto modificare il Regolamento in tutta fretta (l’OdG in questione è comparso solo successivamente alla riunione capigruppo, a pochi giorni dalla seduta consigliare) quando tale delibera non cambia nulla fino al 2019; non si poteva rivedere il regolamento con più attenzione, favorendo un ampio dibattito e magari anche su altri punti?

Come faranno gli organi di controllo a verificare che il diserbo chimico venga effettivamente eseguito senza ricorso al Glifosate? L’insegnamento che la storia degli erbicidi chimici ci offre è molto chiaro: l’Atrazina, ancora oggi presente nelle falde sotterranee, fu proibita in Italia nel 1992; il Glifosate, anch’esso presente nelle acque superficiali e sotterranee, seguirà lo stesso destino. L'erbicida chimico del futuro, che verrà utilizzato a partire dal 2019, sarà davvero sicuro per la nostra salute e la tutela dell’ambiente?

Per ogni scelta c’è una motivazione, ma in questo caso il sospetto è che l’amministrazione comunale abbia voluto mascherare da intervento a salvaguardia dell’ambiente quella che di fatto è una deroga all’utilizzo del Glifosate.

Movimento 5 Stelle – Farra di Soligo