btn scopriprogramma btn segnalazione


Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

I termini “giovani” e futuro dovrebbero andare a braccetto, essere un binomio sicuro. Purtroppo di questi tempi risulta difficile pensare ad un futuro certo e sereno; non è giusto, non è corretto che venga rubato il futuro ai giovani. Che delusione di fronte ai continui tagli ai servizi e alla cosa pubblica, che partono dall’alto sì, ma che poi si riversano inevitabilmente anche sul nostro comune: invece di tagliare si possono evitare gli sprechi. In relazione all’istruzione è di fondamentale importanza investire sui ragazzi perché rappresentano i futuri adulti della nostra comunità cittadina; bisogna costruire delle buone fondamenta se si vuole che la casa stia in piedi o non presenti delle crepe. L’intervento primario sarà quello di mettere in sicurezza gli edifici scolastici, quindi il trattamento di temi come il bullismo, la dipendenza da fumo, alcol e videopoker, nonché il corretto utilizzo delle nuove tecnologie. Verrà incentivato inoltre il riciclo dei libri delle scuole secondarie ed a tal proposito arrivano ottime notizie dal M5S che ci rappresenta in parlamento: è stato approvato infatti un emendamento redatto dal M5S che consente la possibilità per le scuole di creare materiali didattici multimediali che possono essere consultati gratuitamente, compresi i libri scolastici e dal 2015 sarà possibile sostituire i libri cartacei con gli ebook digitali. Un altro obiettivo sarà l’organizzazione di attività formative e ricreative a costi agevolati, il prolungamento degli orari delle scuole materne, uno studio di fattibilità per l’istituzione di un nido comunale in alternativa ai privati e la creazione di “nidi famiglia”, per venire incontro alle esigenze delle famiglie. Infine, sarà promossa la formazione di orti scolastici nelle scuole per educare i ragazzi alle stagionalità dei prodotti che mangiamo; quindi sarà importante incentivare nelle mense scolastiche il consumo di prodotti biologici, possibilmente a Km 0. Da anni ad esempio l’Emilia Romagna con un’apposita legge denominata “norme per l’orientamento dei consumi e per la qualificazione dei servizi di ristorazione collettiva” ha avviato molti interventi di educazione al consumo consapevole, allo scopo di migliorare la conoscenza dei suoi prodotti tipici locali, dei buoni sistemi produttivi e delle stagionalità agricole, delle relazioni esistenti tra essi ed i consumi di prodotti alimentari ottenuti nel rispetto dell’ambiente e della salute, con l’obiettivo di favorire l’utilizzo di prodotto biologici del territorio nelle mense scolastiche. E’ lo stesso che potremmo realizzare nel nostro comune. Tutto ciò è quanto ci proponiamo come lista del M5S nel campo dell’istruzione, in prima linea al fianco dei giovani, con principi sani che mirano alla salute comune e della stessa persona.