btn scopriprogramma btn segnalazione


Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Bollettino Agernova per la DOCG del Prosecco, a cura del Prof. G. Altieri

2013-05-09: Bollettino Agernova N. 4/2013: Difesa Fitosanitaria della Vite. Zona Conegliano Veneto

Peronospora

I trattamenti preventivi effettuati con prodotti rameici di copertura (Poltiglia Bordolese), combinati con formulati rameici innovativi ad assorbimento a bassi dosaggi (RAMSOL, GLUTEX, PENTARAM) hanno avuto pieno successo e, ad oggii, nelle aziende assistite dallo Studio Agernova in Veneto e Friuli non si segnala nessuna presenza di sintomi peronosporici, nonostante le condizioni atmosferiche avverse abbiano consentito 3 infezioni primarie giunte a fine incubazione, e una quarta infezione primaria attualmente in incubazione.

INTERVENTO per Giovedi 9 maggio

 Con la vegetazione in veloce sviluppo, In vista delle prossime piogge previste per venerdì è necessario intervenire giovedi 9 maggio in Prevenzione con trattamento liquido (attivo anche contro Oidio, Escoriosi, Mal dell'Esca), 

- Poltiglia Bordolese (DISPERSS o MANICA)

+ RAMSOL (Cerrus) (rame ad assorbimento da ossicloruro, più Zolfo proteinato)

+ Pentaram (Rame idrossisolfato + Zn + Fe ad assorbimento)

+ GLUTEX (Cerrus)

+ Adesivizzante - Protettivo (BED), dose 500 ml/ha.

+ eventuale zolfo bagnabile alle dosi in etichetta (non aggiungere se si è effettuato almeno un trattamento con zolfo/ramato in polvere).

+ Alga Macrocystis iron, dose 500 ml /ha (contro clorosi ferrica e stimolatore di resistenza)

NB: per i dosaggi dei prodotti rameici, che di pendono dal tipo di interventi precedentemente eseguiti, dalle combinazioni e dosi 7impiegate nei precedenti trattamenti, dai dilavamenti e previsioni meteo locali, ecc... rivolgersi al Prof. Giuseppe Altieri (tel 075-8947433, cell. 3474259872)

Tignoletta

Collocare le trappole a Feromone (Lepicer - CERRUS))

Mal dell'Esca (prevenzione)

Appena possibile, intervenire con miscela di Microrganismi utili antagonisti in equilibrio (SYMBIOMIC - Cerrus), dose 2 litri / ha + Alga Macrocystis iron, dose 1 litro /ha + BED, dose 300 ml /ha + Zolfo bagnabile COSAVET (dosi in etichetta), a distanza di almeno 5 giorni da trattamenti con rame.

Mal dell'Esca (disinfezione degli spacchi e tagli di rinnovo)

Disinfettare gli spacchi sui tronchi, con una miscela:

- Poltiglia Bordolese: 500 gr/hl

+ Pentaram: 500 ml /hl

+ Alga Macrocystis 300 ml /hl

+ BED 200 ml /hl

+ Polisolfuro di Calcio 1, 5 litri / hl (o RAMSOL, 300 ml /hl)

Scafoideo, Cocciniglie, Acariosi (Eriofide)

Con presenza rilevante, Intervento preventivo con Olio 4 Stagioni (Cerrus) (insolfonabilità minima 96%), dose: 1,5 lt/hl d'acqua. Lo zolfo in polvere inoltre, riduce notevolmente Eriofide e Scafoideo.

I mezzi tecnici possono essere ordinati anche direttamente alla ditta Cerrus, con economia sui costi: tel. 02-96782108 (Dr.ssa Ronzoni)

Commento ai Bollettini fitosanitari locali

Evitare assolutamente i trattamenti chimici con Ditiocarbammati (Mancozeb, Metiram, ZIneb, ecc) o Captano (Cptafol o Folpet), stranamente consigliati dal bollettino Copagri o dai disciplinati di agricoltura integrata chimica "convenzionale", trattandosi di prodotti di semplice copertura, com'è il Rame (i cui nuovi formulati vengono anche assorbiti). 

Come risulta dall'ultimo bollettino COPAGRI, il rame da Bordolese ha anche la maggiore persistenza e resistenza al dilavamento, che aumenta notevolmente coi prodotti ad assorbimento innovativi da noi consigliati. 

Pertanto non si comprende come mai vengano indicati dal Bollettino COPAGRI interventi con prodotti a base di Ditiocarmammati e Captano, Folpet, molto pericolosi per la salute e meno efficienti del rame

2013-05-25: Bollettino fitosanitario per la Difesa Biologica avanzata della Vite (Zona Prosecco - Veneto). Trattamenti chimici completamente sbagliati nel Prosecco. A giugno giornata dimostrativa sul vigneto biologico Pilota dell'Azienda Uve Maior (Viezzer, Conegliano Veneto)

Trattamenti chimici completamente sbagliati nel Prosecco.
Le tecniche Biologiche Avanzate hanno raggiunto risultati migliori di quelle chimiche

Carissimi cittadini ed agricoltori del Prosecco,
come descritto in oggetto, organizzeremo una giornata dimostrativa per tutti i viticultori di Conegliano e zone del Prosecco e per tutti i rappresentanti delle istituzioni locali e Regionali, che vi prego di cominciare a sollecitare per la loro presenza.
 
Ad oggi, dal mio ultimo sopralluogo di questa settimana,, non abbiamo rilevato praticamente nessun sintomo di Peronospora nel vigneto Biologico Pilota di Conegliano Veneto, con Conduzione Agroecologia Avanzata, nonostante una stagione tremenda, con continue piogge e grandinate.
 
Mentre, come risulta dai bollettini fitosanitari del consorzio del Prosecco (Allegato) e della Copagri, numerose aziende manifestano sintomi di peronospora sia sulle foglie che sui grappoli, nonostante l'impiego di massicce dosi di Agrofarmaci chimici di sintesi artificiali e pericolosi per la salute degli agricoltori (in primis) e dei cittadini del territorio.
 
Ciò stà a dimostrare coi fatti, sul campo, quanto vi dissi nel mio convegno di Conegliano, e predissi nei miei precedenti bollettini fitosanitari, ovvero che i mezzi di difesa biologica avanzati sono superiori ai trattamenti chimici. 
 
In particolare, di grande efficacia sono i Formulati rameici biologici ad assorbimento, i protettivi dal dilavamento, coadiuvanti e sinegizzanti, microrganismi utili simbionti e antagonisti, stimolatori di resistenza, ecc, selezionati da 27 anni di studi e ricerche su aziende viticole di larga scala in produzione commerciale, dal Porf. Giuseppe Altieri, Agroecologo e Docente di Fitopatologia e Entomologia, titolare dello Studio Agernvova - Servizi Avanzati per l'Agroecologia e la Ricerca. 
 
A testimonianza di quanto affermato, allego il Pdf del Bollettino fitosanitario del consorzio del Prosecco, da cui (come purtroppo prevedevo, nei miei precedenti bollettini Agroecologici), si evince che le strategie chimiche applicate sino ad oggi sono state sbagliate, in quanto molte aziende che hanno trattato con tutta una serie di prodotti chimici, consigliati nei precedenti bollettini del consorzio stesso del Prosecco, dal Dr. Filippo Taglietti, ..."manifestano peronospora sia sulle foglie che sui grappoli, dovute a infezioni primarie e secondarie."...
Fatto gravissimo, se i livelli sono diffusi, soprattutto a Maggio, in quanto potrebbero compromettere le produzioni viticole stesse.
Oggi il  consorzio del prosecco consiglia ancora di irrorare con prodotti sistemici (pericolosissimi per la salute umana e l'ambiente) e di scarsa efficacia, in quanto tali prodotti non vengono traslocati bene, a causa del freddo e della fisiologia delle piante ancora in prefioritura, per cui le sostanze vengono ad essere attirate verso gli apici dei germogli, lasciando i grappolini scoperti, così come le foglie basali. 

INDICAZIONI PER I CORRETTI INTERVENTI FITOSANITARI (BIOLOGICI AVANZATI) SULLA VITE

Per coloro che volessero smettere di usare prodotti chimici inutili, o che volessero confrontare le tecniche chimiche con quelle Agroecologiche (biologiche avanzate), consigliamo di intervenire immediatamente con irameici ad assorbimento da noi selezionati in lunghi anni di sperimentazioni (RAMSOL; GLUTEX; PENTARAM Cu+ Zn+ Fe), prodotti in grado di proteggere i grappolini e le foglie per un buon periodo, combinati a rameici di copertura, uniti a BED, (protettivo, sinergizzante e adesivizzante, tensioattivo), in grado di proteggere il rame dal dilavamento fino a molti millimetri. Le dosi di impiego dovranno essere concordate in base alla situazione fitosanitaria dei Vigneti interessati, e alla precedente difesa applicata, in vista degli eventi atmosferici previsti.
Altri coadiuvanti e stimolatori di resistenza sono rappresentati da
- Alga Macrocystis iron (con Ferro), utile anche alle clorosi ad oggi molto diffuse e regolatore dello sviluppo e resistenza
- BENTOTAMNIO, formulato adsorbente dell'umidità e ricco in Ca, Mg, K e microelementi stimolatori della resistenza dei tessuti e fisiologica delle piante.
 
Aziende Biologiche
Per le aziende biologiche si raccomanda l'uso di questa strategia di difesa sopraindicata, in quanto i prodotti di semplice copertura non sono in grado di proteggere a pieno la vegetazione, costringendo a ripetuti trattamenti, che in queste condizioni di dilavamento e continue piogge, sono oltremodo difficili.
 
NB:
La giusta scelta dei formulati, delle dosi di rame e dei coadiuvanti, evita i fenomeni di fitotossicità.
Si raccomanda la consultazione dell'Esperto.
Per ogni informazione tecnica, e la definizione dei dosaggi e del tipo di formulati da scegliere in base alle situazioni aziendali, contattare il Porf. Giuseppe Altieri.
tel 075-8947433
cell 347-4259872

OIDIO

Non appena possibile in prefioritura, intervenire con zolfo ramato in polvere al 5% in grado anche di ridurre le infestazioni di Scafoide e i rischi di virosi. Per i dosaggi, in relazione alle situazioni aziendali, consultare l'esperto, Prof. Altieri

Scafoide

Monitorare la presenza dell'Insetto con trappole (strisce collate).
Per l'intervento, previsto verso la metà di giugno (salvo ritardi per il freddo), consultare l'Esperto

Tignoletta

Collocare le trappole sessuali
Intervenire solo in caso di presenze oltre il 10 % di grappoli infestati in fioritura, con BIOLARV (B. turingiensis 32.000 UI) , dose 400-500 g /ha.

Giornata dimostrativa

Alla giornata dimostrativa consiglio di invitare i Sindaci e le  Giunte comunali, in modo da far toccare con mano la necessità di immediati divieti dei pesticidi chimici sui vigneti, per la tutela della salute pubblica, IN PRIMIS DEGLI AGRICOLTORI E OPERAI AGRICOLI.
 
La sperimentazione presso l'Azienda Uve Maior è  condotta grazie al contibuto escusivo dei signori Viezzer, proprietari dell'Azienda viticola stessa e all'investimento dello Studio Agernvoa, nella persona del prof. Giuseppe Altieri, sottoscritto.

Sentenza del Consiglio di Stato sui regolamenti uso agrofarmaci

Rammento inoltre che il Consiglio di Stato ha legittimato il regolamento della Val di Non sull'uso degli Agrofarmaci Chimici, che stabilisce almeno 50 metri di fascia di rispetto, dal confine aziendale trattato con agrofarmaci, per ridurre i fenomeni di deriva dei prodotti chimici...
Tale sentenza rende il regolamento in questione applicativo a livello Nazionale, come livello minimo di tutela sanitaria e ambientale.
Ma mi risulta che che nel Prosecco le distanze di sicurezza siano molto minori...
Pertanto vi sollecito a inviare agli organismi competenti (comuni , ecc.) la richiesta di adeguazione alla sentenza del Consiglio di Stato e al regolamento della Val di Non.
 
 
saluti cari,
Prof. Giuseppe Altieri
Studio Agernova - Servizi Avanzati per l'Agroecologia e la Ricerca
Massa Martana, Fraz. Viepri Centro, 15
tel 075-8947433
347-4259872